Retorica dell'assenza. Dalla scuola poetica siciliana all’”Elegia di madonna Fiammetta” di Boccaccio