Il peculio nell’opera virgiliana tra poesia e diritto