Sui nessi logici fra personalità giuridica internazionale e treaty-making power di enti sub-statali