Tra il possibile e l'impossibile: la sfida di Ingeborg Bachmann