Da 'diva' a 'dea': trasfigurazioni poetiche nella corte malatestiana