“Il nome della stella è assenzio”. Ricordando Chernobyl