Umano, troppo umano: lo sport