L’impatto della “seconda rivoluzione” informatica su cultura e turismo