Società civile e questioni pubbliche nell'area metropolitana: una «trappola scalare»?