Attraverso i “Domenicani” da contenitore di uomini a contenitore di carte