Di un ‘pensiero rivelativo’: l’ontofenomenologia giuridica di Sergio Cotta