Osservazioni sul confronto tra Scaravelli e Husserl