Il soggetto del linguaggio e il diritto. La differenza nomologica