I dipendenti pubblici e l'accettazione dell'autorità come procedura razionale