Sulla critica del segno alla realtà mediatica