L'ansia dell' "Uomo tragico" contemporaneo: nostra esperienza presso il D.E.A. del Policlinico Umberto I di Roma