Mosaici identitari. Dagli italiani a Vancouver alla kreppa islandese