Il diritto alla vita fra bilanciamenti e inviolabilità