Review the fundamentals of urban planning and its traditional logic, and build a new way of behaving towards the city and the region are the goals of this work of deconstruction strict and careful and at the same time courageous and thorough research. The essays in the volume - of Mary Argenti, Giovanni Attili, Patrizia Bottaro, Carlo Cellucci, Luciano De Bonis, Lidia Decandia, Silvia Macchi, Enzo Scandurra - reflect on the relationship between man and environment, the nomadic lifestyle, the new languages ​​of design. Questioning the illusions of modern rationalist, his tendency approval, its universal grammar that hid details and differences in favor of the unattainable dream of the perfect city, the authors analyze a more complex reality, made of new relationships and new forms of social coexistence .

Rivedere i fondamenti dell'urbanistica e le sue logiche tradizionali, e costruire un nuovo modo di porsi nei confronti della città e del territorio: sono gli obiettivi di questo lavoro di decostruzione severa e attenta e allo stesso tempo di coraggiosa e approfondita ricerca. I saggi contenuti nel volume - di Maria Argenti, Giovanni Attili, Patrizia Bottaro, Carlo Cellamare, Luciano De Bonis, Lidia Decandia, Silvia Macchi, Enzo Scandurra - riflettono sul rapporto uomo-ambiente, sul nomadismo, sui nuovi linguaggi della progettazione. Mettendo in discussione le illusioni razionaliste del Moderno, la sua tendenza omologante, la sua grammatica universale che occultava particolari e differenze a favore del sogno irraggiungibile della città perfetta, gli autori analizzano una realtà più complessa, fatta di nuove relazioni e nuove forme di convivenza sociale.

Labirinti della città contemporanea

CELLAMARE, Carlo;SCANDURRA, Enzo
2001

Abstract

Rivedere i fondamenti dell'urbanistica e le sue logiche tradizionali, e costruire un nuovo modo di porsi nei confronti della città e del territorio: sono gli obiettivi di questo lavoro di decostruzione severa e attenta e allo stesso tempo di coraggiosa e approfondita ricerca. I saggi contenuti nel volume - di Maria Argenti, Giovanni Attili, Patrizia Bottaro, Carlo Cellamare, Luciano De Bonis, Lidia Decandia, Silvia Macchi, Enzo Scandurra - riflettono sul rapporto uomo-ambiente, sul nomadismo, sui nuovi linguaggi della progettazione. Mettendo in discussione le illusioni razionaliste del Moderno, la sua tendenza omologante, la sua grammatica universale che occultava particolari e differenze a favore del sogno irraggiungibile della città perfetta, gli autori analizzano una realtà più complessa, fatta di nuove relazioni e nuove forme di convivenza sociale.
P., Bottaro; Cellamare, Carlo; Scandurra, Enzo
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/222671
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact