Teatro e rivoluzione: il caso napoletano