Nella valle del perturbante: moderno, postmoderno e "noir" secondo Wu Ming