Il ciborio di San Paolo fuori le mura tra autografia e restauro mimetico