Verso il diritto a forme di conoscenza multiple