Il verbo indoeuropeo: tra difettività e suppletivismo