Lettera sull'«inesistente»