Queneau e le arti visive: tracce di un lungo rapporto