"Il Politecnico" e la narrativa del dopoguerra