Ampliative inferences are defined when they allow to extend - expand - our knowledge, in the sense that the data and information contained in the conclusion are not contained in the premises, as in the case of non-ampliative inferences (ie those deductive). They are the main engine of growth and advancement of knowledge, especially the math. The text, using examples from number theory, knot theory and the theory of braids, provides an analysis of these forms of inference by examining three particularly significant conceptual articulations such as visualization, analogy, and multiple representations, and we discusses ownership, statute and some of their important epistemological implications, in particular their relationship with the truth. The text supports the thesis that the knowledge arising from the inferences ampliative have a precise meaning in the same status as those generated by inferences-amp ...

Le inferenze sono definite ampliative quando permettono di estendere – ampliare – le nostre conoscenze, nel senso che i dati e le informazioni contenute nella conclusione non sono contenute nelle premesse, come avviene nel caso delle inferenze non-ampliative (ossia quelle deduttive). Esse sono il principale motore di avanzamento e crescita della conoscenza, in particolare di quella matematica. Il testo, usando alcuni esempi tratti dalla teoria dei numeri, la teoria dei nodi e la teoria delle trecce, fornisce un’analisi di queste forme inferenziali esaminandone tre articolazioni concettuali particolarmente significative quali la visualizzazione, l’analogia e le rappresentazioni multiple, e ne discute proprietà, statuto e alcune loro rilevanti implicazioni epistemologiche, in particolare la loro relazione con la verità. Il testo sostiene la tesi che le conoscenze originate dalle inferenze ampliative hanno in un senso preciso lo stesso statuto di quelle generate dalle inferenze non-amp...

Inferenze ampliative. Visualizzazione, analogia e rappresentazioni multiple.

IPPOLITI, Emiliano
2008

Abstract

Le inferenze sono definite ampliative quando permettono di estendere – ampliare – le nostre conoscenze, nel senso che i dati e le informazioni contenute nella conclusione non sono contenute nelle premesse, come avviene nel caso delle inferenze non-ampliative (ossia quelle deduttive). Esse sono il principale motore di avanzamento e crescita della conoscenza, in particolare di quella matematica. Il testo, usando alcuni esempi tratti dalla teoria dei numeri, la teoria dei nodi e la teoria delle trecce, fornisce un’analisi di queste forme inferenziali esaminandone tre articolazioni concettuali particolarmente significative quali la visualizzazione, l’analogia e le rappresentazioni multiple, e ne discute proprietà, statuto e alcune loro rilevanti implicazioni epistemologiche, in particolare la loro relazione con la verità. Il testo sostiene la tesi che le conoscenze originate dalle inferenze ampliative hanno in un senso preciso lo stesso statuto di quelle generate dalle inferenze non-amp...
9781409201014
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/183110
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact