Profezia e machiavellismo: il giovane Campanella