Scienza giuridica senza giurista: il nichilismo 'perfetto'