Di alcuni scrittori balordi e umoristi