Sul filo del rasoio. La complessità relazionale del rischio clinico