Razionalità minimali, il caso della Valle d’Oro