Servitù e libertà. Simone Weil e l'eterno lavoro