“Disiecti membra poetae”: la voce poetica di Mario dell’Arco