“Inlitteratus” o “Philosophus”? Cultura, libri e codici miniati alla corte di Teoderico