Ripensare i forti. Tra recupero e trasformazione compatibile