Zosimo da Panopoli tra Ibn Umayl e Aristotele