prefazione a “Properzio” di Julien Benda