Il Satiro di Mazara e le movenze dissonanti del corpo