Le fondazioni "bancarie" tra potere pubblico e autonomia privata