The paper aims to describe the historical and cultural evolution of the right to study in Italy. This right is set up, in time, not only as an abstract statement of intent to promote equitable access to education, but especially as the necessary financial support to deserving individuals without the means to pay for their education. Even today, the right to education appears to be both a principle and an economic support that protect the access and the frequency of university studies.

Sin dalla sua nascita, l'Università ha sostenuto gli studenti che intendevano seguirne i corsi. Già nel Medioevo i cittadini che volevano studiare in università di comuni diversi dal proprio, ed erano quindi costretti a spostarsi, potevano ricevere dalle autorità locali una piccola somma in denaro, di norma sufficiente per coprire i costi di vitto e alloggio. L’aiuto fornito agli studenti era la manifestazione più evidente del tentativo di garantire il diritto allo studio. Tale diritto si è configurato infatti, nel corso del tempo, non solo come un’astratta dichiarazione di intenti per favorire un accesso equo all’offerta formativa, ma soprattutto come una serie di interventi di sostegno economico volti a garantire la possibilità di formazione universitaria alle persone meritevoli, ma prive dei mezzi necessari per pagare la propria istruzione . Ciò che valeva un tempo vale anche oggi. Il diritto allo studio si configura come il principio che tutela l'accesso, la frequenza e la regolarità degli studi universitari.

L’accesso all’offerta formativa. La questione dei diritti

PANARESE, Paola
2007

Abstract

Sin dalla sua nascita, l'Università ha sostenuto gli studenti che intendevano seguirne i corsi. Già nel Medioevo i cittadini che volevano studiare in università di comuni diversi dal proprio, ed erano quindi costretti a spostarsi, potevano ricevere dalle autorità locali una piccola somma in denaro, di norma sufficiente per coprire i costi di vitto e alloggio. L’aiuto fornito agli studenti era la manifestazione più evidente del tentativo di garantire il diritto allo studio. Tale diritto si è configurato infatti, nel corso del tempo, non solo come un’astratta dichiarazione di intenti per favorire un accesso equo all’offerta formativa, ma soprattutto come una serie di interventi di sostegno economico volti a garantire la possibilità di formazione universitaria alle persone meritevoli, ma prive dei mezzi necessari per pagare la propria istruzione . Ciò che valeva un tempo vale anche oggi. Il diritto allo studio si configura come il principio che tutela l'accesso, la frequenza e la regolarità degli studi universitari.
9788882325527
The paper aims to describe the historical and cultural evolution of the right to study in Italy. This right is set up, in time, not only as an abstract statement of intent to promote equitable access to education, but especially as the necessary financial support to deserving individuals without the means to pay for their education. Even today, the right to education appears to be both a principle and an economic support that protect the access and the frequency of university studies.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/177229
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact