Perchè "negativa"? L'ontologia dell'inassimilabile di Th. W. Adorno