Il mestiere di storico e la soggettività