Il problema logico-funzionale del linguaggio in Aristotele