Dal tropo retorico all'universale fantastico