Il mito di Dante-Omero e la lingua senza nazione