Una mente simbolica? Il linguistic turn di G. W. Leibniz