Nell’articolo vengono presentate le strategie usate nelle lingue slave per veicolare l’informazione nella frase. Vengono messe in rilievo le differenze da questo punto di vista tra il russo ed il polacco, lingue che hanno conservato la flessione nominale, da una parte, e le due lingue slave meridionali ( il bulgaro e il macedone) che invece hanno perso i casi, dall’altra. Vengono presi in considerazione alcuni dei fenomeni riguardanti l’interazione tra la pragmatica e l’ordine delle parole, l’uso dei mezzi segmentali e fattori prosodici.

Information structure in Slavic languages

GEBERT, Lucyna
2008

Abstract

Nell’articolo vengono presentate le strategie usate nelle lingue slave per veicolare l’informazione nella frase. Vengono messe in rilievo le differenze da questo punto di vista tra il russo ed il polacco, lingue che hanno conservato la flessione nominale, da una parte, e le due lingue slave meridionali ( il bulgaro e il macedone) che invece hanno perso i casi, dall’altra. Vengono presi in considerazione alcuni dei fenomeni riguardanti l’interazione tra la pragmatica e l’ordine delle parole, l’uso dei mezzi segmentali e fattori prosodici.
9783110208771
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/175820
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact