Il contributo degli psicologi francesi al V Congresso